Rete mobile Lte 4G in Italia

Visite: 1200
“Contenuto articolo”[“Nascondi”]

Gli Smartphone di ultima generazione supportano la tecnologia Lte. Sulle bande disponibili in Italia: i primi modelli di iPhone 5, possono agganciare le reti 4G alle frequenze 850, 1800, 2100 MHz.

Gli operatori italiani in grado di accettare il nuovo iPhone 5 sulle proprie reti 4G saranno solo Tim, Vodafone e 3 Italia.

Le reti Lte, permettono velocità di connessioni superiori alle 3G con Hsdpa. Sono state annunciate in Italia per il mese di novembre 2012, ma la diffusione sul territorio è prevista per il 2013. L’LTE è senza dubbio il futuro della telefonia mobile. Le velocità di connessione promesse, sono: fino a 326,4 Mb/s in download e 86,4 Mb/s in upload.

Assegnazione delle prime frequenze Lte 4G in Italia

lte

Vi sono attualmente problemi di assegnazione delle frequenze che rischiano di frenare la loro adozione. Le aste per l’assegnazione delle prime frequenze Lte in Italia si sono svolte nel settembre 2011, e sono state definite le concessioni per l’utilizzo di tre bande di frequenza: 800 MHz, 1800 MHz e 2600 MHz.

Operatori Lte 4G

I sei lotti disponibili nelle frequenze da 800 MHz sono stati divisi in eguale misura tra Telecom Italia, Vodafone e Wind. Sui 1800 MHz s’erano disponibili tre lotti, ciascuno dei quali assegnati a 3 Italia, Telecom Italia, Vodafone. I 2,6 GHz hanno invece visto l’assegnazione di quattro lotti ciascuno a 3 Italia e Wind e di tre lotti per Telecom Italia e Vodafone.

lte  operatori

All’inizio del 2013 dovrebbero partire le prime offerte commerciali degli operatori, tutte basate sulle bande 800 e 1800 MHz. Le frequenze 800 MHz, in particolare sono attualmente utilizzata dal sistema televisivo digitale terrestre. Questa sovrapposizione rischia di creare ritardi nell’implementazione della struttura Lte a 800 MHz.

Il ministero dello sviluppo economico ha aperto un tavolo tecnico con lo scopo di verificare le potenziali interferenze radio tra le nuove reti cellulari degli impianti dedicati alla diffusione del segnale televisivo digitale terrestre.

Il ministro si è impegnato a liberare le frequenze entro gennaio 2013. Si tratta della banda più appetibile, dal momento che permette di creare celle ampie e quindi una struttura di rete a costo inferiore, perlomeno nella fase iniziale dell’operazione.

La banda 2,6 GHz richiede una maggiore densità di celle e quindi un lavoro superiore sulle infrastrutture, ma i blocchi utilizzabili dagli operatori sono maggiori ed è quindi su queste frequenze che assisteremo probabilmente la diffusione massiccia dell’Lte, almeno nei centri urbani.

A livello tecnologico, l’Lte può operare anche nelle frequenze 850 MHze 2,1 GHz, ma nel caso dell’Italia queste sono già occupate dalla tecnologia 2G e 3G e quindi per ora non saranno impiegate nelle reti di nuova generazione.





ARTICOLI RECENTI

  • App iPhone
    09 Dec
    In questa lista di App per iOS, troviamo le migliori, quelle che tutti i giorni milioni di utenti in tutto il mondo usano e che hanno dimostrato di essere affidabili, utili..
  • App iPhone
    14 Dec
    Tramite il microfono i cellulari possono registrare interviste, conversazioni, discorsi e qualsiasi altro suono da trasmettere e trascrivere. Apple, gia dalla terza versione di iOS..
  • App iPhone
    13 Dec
    Apple Music offre decine di milioni di brani di musica in streaming. Si possono ascoltare quasi tutti i brani presenti nell’archivio iTunes. Apple Music risulta essere il servizio..
  • App iPhone
    13 Dec
    L’App per iPhone Corriere della Sera Digital Edition ha un'interfaccia fluida e scattante che permette di restare in contatto con il mondo. Il Corriere della Sera è uno dei